L’aggiornamento delle raccomandazioni sui gruppi target della vaccinazione è finalmente un passo positivo che pone chiarezza sulle priorità vaccinali.
Innanzitutto identifica le persone con disabilità gravi riconducibili ai sensi della Legge 104, garantisce la vaccinazione ai conviventi, o caregivers, e per coloro che sono maggiormente a rischio per danno d’organo preesistente o compromessa risposta immunitaria. Questo passo positivo condiviso con le Regioni è frutto del grande lavoro parlamentare di queste settimane, di indirizzi nelle risoluzioni e atti parlamentari, oltre che dell’unità di intenti delle forze politiche, insieme alle tante associazioni. Le persone più esposte al rischio o con disabilità – prosegue – hanno subìto una condizione di isolamento e di rinuncia che ha reso ancora più duri gli effetti delle restrizioni di un anno di pandemia. Ora serve correre con la campagna vaccinale, garantire dosi e un’organizzazione regionale, sotto la sorveglianza del Ministero, che vigili sul rispetto delle priorità»
Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone