La proposta presentata oggi consente parcheggio gratis per i disabili sulle strisce blu. Intervenire con proposta di legge arricchisce il patrimonio dei diritti!

Un atto di civiltà, portato avanti attraverso una proposta di legge che va così ad arricchire il patrimonio dei diritti dei cittadini. Alla Camera il Partito Democratico ho presentato oggi una proposta di legge (a prima firma Gadda e Noja, e da me sottoscritta) che ha raccolto l’adesione anche di altri deputati di opposizione in totale i firmatari sono 50, dedicata alla mobilità delle persone disabili.

L’attenzione in particolare è puntata sulle strisce blu nei parcheggi: attualmente, per i disabili, in alcuni comuni è possibile parcheggiare all’interno delle stesse gratuitamente, in altri no. Nella provincia di Bergamo rientra nella prima categoria, ad esempio, il comune capoluogo, mentre nella seconda Treviglio. Il tema chiama evidentemente in causa le criticità esistenti legate al mancato introito, per le società di diritto privato o per i comuni che gestiscono i parcheggi.

Come molte associazioni tra cui Anmil, Anmic e Fish, chiedono da tempo la proposta di legge consente “attraverso un’integrazione del Nuovo codice della strada” ai veicoli al servizio di persone invalide, titolari di regolare contrassegno, di sostare gratuitamente nelle aree di parcheggio delimitate dalle strisce blu.

Contribuendo così alle legittime esigenze delle persone con disabilità di spostarsi in modo agevole in tutto il paese. In questo modo si evitano interpretazioni e disparità di trattamento sul territorio nazionale, e viene pienamente applicato il diritto alla mobilità presente fra l’altro nella nostra Costituzione.