L’accesso alle Rsa deve trovare una cornice nazionale e linee guida adeguate. In un contesto di materia concorrente tra Stato e Regioni assistiamo a delibere regionali disomogenee su cui è necessario capire se siano sostenute da argomentazioni scientifiche.

Ho presentato un’interrogazione al Ministro della salute anche in ragione delle criticità e delle difficoltà che le famiglie e i gestori delle RSA stanno incontrando in Regione Lombardia a seguito della delibera regionale 3226 del 9 giugno.

È chiaro a tutti che la priorità sia quella di garantire adeguate condizioni di sicurezza ma le attuali direttive regionali sono farraginose e inapplicabili, visto l’obbligo di isolamento domiciliare preventivo, peraltro non sotto controllo stretto delle RSA, e la successiva quarantena dopo l’ingresso.  Un iter che rischia anche di aggravare la situazione di deprivazione degli anziani. Test, tamponi e quarantena con isolamento all’ingresso sono strumenti adottati da altre Regioni, come il Piemonte e il Veneto, che hanno adottato delibere ritenute sicure e meno complesse.

Ho chiesto dunque al Ministero se non ritenga necessario prevedere linee guida nazionali a supporto delle Regioni e degli enti erogatori e se la delibera adottata dalla nostra Regione sia supportata da un punto di vista scientifico e di buone prassi per la prevenzione della diffusione del virus.

Nella Bergamasca sono circa 1.500 le persone in attesa di ricovero, di cui 150 in condizioni di acuta fragilità, che attendono una risposta. Mi auguro che si trovi presto una soluzione adeguata alle ragioni di sicurezza della salute e ai bisogni degli anziani e delle loro famiglie

Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone