Da due anni le Rsa bergamasche aspettano i ristori per la pandemia, ma per ora hanno ricevuto solo un adeguamento tariffario che non basta nemmeno a coprire i costi dovuti alle prescrizioni Covid. Nel frattempo, come se non bastasse, i costi dell’energia si abbattono anche su queste strutture.

Le associazioni delle Rsa tornano a farsi sentire con la Regione, chiedendo di dare segnali concreti. Anche perché i soldi ci sono, come conferma la deputata Pd, Elena Carnevali: «La Regione
ha ricevuto quasi 11 milioni di euro destinati a queste strutture, quest’attesa non è più sostenibile».
Nelle prossime ore da Milano dovrebbe arrivare un chiarimento. I fondi saranno ripartiti in base alle esigenze comunicate dalle Ats. Sembra entro luglio.

Articolo RSA pagina 1_27 maggio 2022_eco di bergamo

Articolo RSA_eco di bergamo_27 maggio 2022_pagina 2

Da L’Eco di Bergamo, venerdì 27 maggio 2022