L’apertura alle auto del Ponte San Michele di oggi e l’anticipo a settembre 2020 per la tratta ferroviaria sono un sollievo per pendolari e viaggiatori. Un risultato tanto auspicato, chiesto e infine realizzato da RFI e dalle maestranze con la buona collaborazione istituzionale. Un evento che completa, orgogliosamente, una giornata importante per la viabilità della nostra provincia, dopo l’annuncio del finanziamento per la tranvia della Val Brembana, che cambierà radicalmente la mobilità bergamasca.

Dopo quattordici mesi di disagi per i pendolari e i viaggiatori dell’Isola bergamasca, finalmente riapre un passaggio cruciale per la viabilità di un territorio ricco di imprese, di attività produttive e nodo cruciale per i lavoratori e gli studenti pendolari.
Siamo soddisfatti della celerità con cui RFI, l’amministratore delegato Gentile e le imprese hanno risposto alle istanze di sindaci, dei comitati e dei cittadini. L’apertura della tratta ferroviaria è oggi un traguardo più vicino.

Siamo grati alla Ministra De Micheli per la disponibilità che ha dimostrato in questi giorni sul territorio bergamasco, garantendo l’impegno del Governo per l’ammodernamento e lo sviluppo delle opere per una viabilità più sicura e sostenibile e assicurando l’impegno dello Stato, attraverso il suo Ministero, a mantenere competitività territoriale, sviluppo economico e concretezza nei lavori.
Giusta l’indicazione della Ministra De Micheli, che ha chiesto che ci sia una condivisione territoriale nella scelta delle opere, come riguardo al futuro del nuovo ponte in sostituzione dell’attuale di San Michele. Un altro lavoro su cui ha assicurato l’impegno dello Stato.
Oggi è un giorno di cui essere orgogliosi come istituzioni e cittadini.

Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone