Risorse per garantire la realizzazione del collegamento ferroviario che consentirà di allacciare direttamente l’aeroporto di Orio alla rete ferroviaria nazionale, realizzando un servizio competitivo con il sistema di trasporto su gomma, incrementando la capacità intermodale con la riduzione degli impatti ambientali.

“Un finanziamento rilevante soprattutto in un tempo in cui le esigenze di finanziamento di spese in conto capitale sono tantissime  che conferma la determinazione dei parlamentari bergamaschi e la forte volontà del Governo. Questi 100 milioni di euro si aggiungono alle risorse del Fondo Olimpiadi in cui l’opera è inserita, per garantire il finanziamento totale dell’opera. Sostenere le opere strategiche dei territori  è fondamentale se vogliamo, ancor di più nei territori più colpiti dall’epidemia Covid-19, assicurare la capacità competitiva per imprese, sostenere l’esportazione ed il  turismo della bergamasca”.

L’opera inizialmente stimata in 110 milioni di euro, con otto milioni già stanziati per la progettazione e che secondo il progetto definitivo di RFI, pronto entro il mese di luglio 2020, costerà complessivamente 170 milioni di euro.

“Un altro passo concreto che spazza via le spiacevoli e inutili polemiche di qualche amministratore regionale. Noi continuiamo a lavorare nell’interesse del territorio bergamasco e nella consapevolezza che ora più che mai serva un forte impegno di squadra tra tutte le istituzioni. Il fatto che il Governo stanzi queste ingenti risorse ora indica più di tante parole la volontà di ripartire anche da Orio al Serio come scalo essenziale del sistema aeroportuale italiano post COVID”

Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone