Con il voto unanime al Senato, diventa legge il provvedimento che fornisce strumenti di contrasto, di prevenzione e di giusta pena alle troppe aggressioni e violenze che subiscono quotidianamente le donne e gli uomini che lavorano nelle professioni sanitarie, sociosanitarie e sociali.

Una legge importante e attesa, a cui è abbinata la mia proposta di legge redatta con l’aiuto prezioso dell’Avvocato e Sindaco Roberto Bruni. Il fenomeno delle aggressioni ai professionisti della sanità e dei servizi sociali in Italia ha dimensioni preoccupanti.
Con questa legge viene finalmente applicata l’estensione delle stesse pene previste nell’ipotesi di lesioni personali a un pubblico ufficiale anche a questi professionisti, che vengono tutelati con un’ulteriore aggravante per chi commette il fatto con violenza o minaccia proprio per la specificità del loro lavoro e la sua rilevanza.

Negli ultimi mesi abbiamo avuto modo di esprimere la dovuta gratitudine e riconoscenza ai professionisti sanitari, sociosanitari e sociali per la loro umanità e professionalità nei giorni più difficili dell’emergenza. Adesso, con il sostegno di questa legge, è il momento di instaurare e mantenere un clima di rispetto nei confronti di questi professionisti, disincentivando atteggiamenti violenti e prepotenti.

Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone