È stata approvata oggi alla Camera dei Deputati la proposta di legge di cui siamo stati promotori per l’istituzione, il 18 marzo di ogni anno, della Giornata nazionale in memoria di tutte le vittime dell’epidemia di Coronavirus.

Quello è il tragico giorno che ha cambiato la percezione dell’emergenza di molti cittadini ovunque, quando i camion militari a Bergamo hanno dovuto accompagnare fuori dalla città i primi feretri.

“Fare memoria per non dimenticare. Fare memoria per riflettere rigorosamente su ciò che non ha funzionato e sugli errori da non ripetere. Fare memoria anche per ricordare il valore di quanto di positivo si è manifestato”

Sono le parole pronunciate dal Presidente Mattarella nel giugno scorso proprio a Bergamo, davanti al cimitero monumentale della città.
Pensiamo di poter dire che queste parole rappresentino pienamente il senso della proposta per l’istituzione di questa giornata.

Durante ogni 18 marzo dedicato alla memoria di tutte le vittime, le scuole di ogni ordine e grado promuoveranno speciali iniziative didattiche, momenti di studio e di formazione dedicate in particolare alle giovani generazioni; i comuni e tutte le istituzioni, in ogni realtà territoriale, promuoveranno percorsi di informazione e di riflessione aperte a tutta la cittadinanza.

Sarà possibile per tutti devolvere una o più ore del proprio lavoro al fondo per il finanziamento degli investimenti nella ricerca scientifica e tecnologica e gli organi d’informazione dedicheranno specifici approfondimenti su una delle pagine più drammatiche della nostra storia recente.

La speranza è che anche attraverso questa giornata si possano rafforzare i nostri impegni per ricordare sempre chi ha sofferto e non c’è più e per esercitare con la massima determinazione le nostre responsabilità per un futuro migliore e per un Paese sempre più forte e coeso

Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone