I lavori della Camera in diretta

Dispositivi protesici “ad personam”: un emendamento alla “manovrina” risponde alle esigenze di disabili e associazioni

“Con un emendamento alla manovrina l’onorevole Elena Carnevali porta in primo piano le speciali esigenze delle persone con gravi disabilità”: apre così la nota di Maria Teresa Agati, vicepresidente del Centro Studi e Ricerche ausili per persone disabili (CSR), associazione affiliata a Confindustria che ha il compito di approfondire e studiare le possibilità che la scienza e la tecnologia offrono per ridurre le condizioni di svantaggio derivanti da disabilità.

La modifica introdotta dall’emendamento riconosce che, per determinate tipologia di ausili (ad esempio le carrozzine, o gli strumenti di comunicazione), occorre trovare modalità di fornitura particolari che permettano l’individuazione di una soluzione “ad personam”, in base alle esigenze specifiche della persona disabile.

“L’esigenza di garantire la personalizzazione degli ausili – afferma Elena Carnevali, deputata PD – era già posta nel parere alla bozza di DPCM Lea come condizione per determinati ausili dalla commissione Affari sociali della Camera. Ora, con l’emendamento, diventa norma. Il Governo, nella riformulazione, ha introdotto un periodo di 16 mesi per questo passaggio, che mi auguro possa avvenire anche in tempi più stringenti ”

Le Regioni, in questo arco di tempo, pur avviando procedure di evidenza pubblica dovranno garantire l’intervento di un tecnico abilitato, che dovrà provvedere all’individuazione e alla personalizzazione degli ausili, comprese le eventuali necessarie modifiche, in attesa del trasferimento a tariffa.

” Noi abbiamo – conclude Carnevali – come prima esigenza quella di assicurare alle persone con disabilità la miglior qualità di vita, e gli ausili correttamente individuati ed adattati alle esigenza della persona sono una grande risorsa. Con il parere favorevole a questo emendamento il Parlamento richiama l’attenzione su un corretto impiego delle risorse pubbliche con una visione di prospettiva, in quanto solo se un ausilio è correttamente individuato ed adattato viene utilizzato volentieri, generando efficacia ed efficienza dei processi di fornitura”.