Tutela del precariato dell’alta formazione artistica e musicale

Al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca. — Per sapere

– premesso che:

– la sentenza della terza sezione della Cotte di giustizia dell’Unione europea del 26 novembre 2014, relativa alla reiterazione dei contratti a tempo determinato oltre i 36 mesi, specifica che l’indirizzo internazionale deve andare verso l’utilizzo di contratti a tempo indeterminato;

– il tribunale di Napoli si è recentemente espresso a favore di un docente precario in possesso dei 36 mesi di servizio, il quale si è visto riconosciuto il diritto ad avere un contratto a tempo indeterminato, condannando inoltre il Ministero al pagamento delle retribuzioni contrattualmente dovute per i periodi di interruzione di lavoro fino all’immissione in ruolo e di tutte le spese processuali;

– il precariato formatosi nel settore AFAM è stato generato da un’assenza di procedure concorsuali aperte per ben venticinque anni (legge n. 417 del 1990), e riservate per sedici anni (ordinanza ministeriale n. 247 del 1999), nonché per una sovrapposizione normo-giuridica senza precedenti;

– i dati attuali del precariato del settore AFAM censiti dalle recenti graduatorie nazionali prima menzionate indicano 1.201 docenti idonei; numero che sommato alle gemelle graduatorie di cui al decreto-legge n. 97 del 2004 non riesce a soddisfare i posti attualmente vacanti e disponibili, cosicché accademie e conservatori sono ugualmente costretti a ricorrere a graduatorie di istituto per far fronte al servizio didattico;

– l’età media dei docenti menzionati è superiore ai quarant’anni, con picchi limite all’età pensionabile; tutti sono abilitati e selezionati attraverso bandi pubblici d’istituto triennali, con un’esperienza d’insegnamento pluriennale e soprattutto con una media di servizio di molto superiore al limite imposto affinché il rapporto di lavoro si trasformi a tempo indeterminato;

– i docenti afferenti alle citate graduatorie nazionali hanno maturato tre anni accademici e oltre, allo stesso modo di tutti i docenti ancora non immessi a tempo indeterminato e facenti parte della graduatoria del 2004;

– l’applicazione delle graduatorie nazionali non è riuscita a coprire tutti i posti necessari al funzionamento degli istituti AFAM per il corrente anno accademico 2014/15;

– per molti posti vacanti si è dovuto ricorrere di nuovo all’indizione di bandi pubblici per la costituzione di nuove graduatorie d’istituto. I docenti delle graduatorie nazionali sono inoltre tutti occupati su posti liberi e vacanti con contratto a tempo determinato reiterato negli anni, per svolgere le medesime mansioni lavorative;

– quasi tutti i contratti sono senza soluzione di continuità, ponendosi così in contrasto con l’articolo 5 del decreto legislativo n. 368 del 2008, compreso il comma 4, il quale dispone che con «due assunzioni successive a termine senza alcuna soluzione di continuità, il rapporto di lavoro si considera a tempo indeterminato dalla data di stipulazione del primo contratto»;

– il 16 agosto del 2014, con apposito decreto del Presidente della Repubblica, sono state autorizzate le immissioni in ruolo di una percentuale dei docenti delle citate graduatorie nazionali gemelle ex lege n. 143 del 2004 (gemelle per modalità di reclutamento anche se bastavano due soli anni di servizio, mentre per le ultime graduatorie nazionali ne occorrevano almeno tre) trasformatesi ad esaurimento per effetto del citato decreto-legge n. 104 del 2013, il quale ha disciplinato a giudizio degli interpellanti in modo ingiustificatamente e incostituzionalmente diverso docenti appartenenti allo stesso compatto e con i medesimi requisiti;

– oltre ad essere necessario terminare il processo di stabilizzazione dei pochi docenti ancora ricadenti nell’ambito di applicazione della citata legge n. 143 del 2004 (dei quali non più di trenta di pertinenza delle Accademie di belle arti; si può oggettivamente parlare di graduatoria ormai esaurita), è al contempo fondamentale trasformare immediatamente la graduatoria nazionale ex lege n. 128 del 2013 (di cui al decreto ministeriale n. 526 del 2014) in graduatoria nazionale ad esaurimento, utile per l’attribuzione degli incarichi di insegnamento con contratto a tempo indeterminato e determinato;

– ciò anche in virtù del fatto chi è oggettivamente l’unica graduatoria nazionale, creata tramite procedura concorsuale, pienamente rappresentativa dell’attuale precariato storico nel compatto AFAM. Al riguardo, si ricorda come in questi anni i docenti inclusi nella graduatoria ex lege 128, oltre ad aver garantito il regolare inizio dei corsi, abbiano formato ed abilitato all’insegnamento i docenti ora immessi in ruolo nei licei ad indirizzo musicale;

– circa il 50 per cento del corpo docente precario, in possesso dei 36 mesi di servizio necessari, ha intrapreso azione legale nei confronti del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, a fronte dei principi di legge esposti e a tutela della stabilità lavorativa;

– al fine di non veder condannato il Ministero all’obbligo della stabilizzazione di questi poco più di mille docenti, al pagamento delle retribuzioni relative ai periodi di interruzione del rapporto di lavoro e delle relative spese processuali gli interpellanti ritengono sia indispensabile, opportuno e giusto sanare quest’incredibile anomalia tutta italiana –:

quali iniziative intenda mettere in atto il Ministro per tutelare le professionalità didattiche incluse nelle citate graduatorie nazionali, nel rispetto dell’esperienza didattica maturata in anni di servizio e della continuità d’insegnamento, affinché si possa assorbire tutto il precariato del settore dell’alta formazione artistica e musicale in possesso del requisito nazionale ed europeo (trentasei mesi) sulla base dei posti attualmente vacanti e disponibili, e così chiudere il meccanismo delle supplenze legate al settore scuola;

se il Ministro sia intenzionato ad aprire a breve un tavolo di confronto sul tema, con docenti e rappresentanze sindacali, prima di ogni riordino del comparto.

Rigoni, Cimbro, Dallai, Albini, Tentori, Lattuca, Ciracì, Carra, Castricone, Censore, Cenni, Carocci, Ventricelli, Carnevali, Carella, D’Ottavio, Stumpo, Fiorio, Cominelli, Cova, Piras, Taricco, Pellegrino, Ferrara, Airaudo, Manfredi, Laforgia, Oliverio, Tino Iannuzzi, Iori, Mognato, Pastorino e Capodicasa

Interrogazione a risposta scritta presentata il 30 settembre 2015

Argomenti: