I lavori della Camera in diretta

Povertà alimentare, 6 milioni di italiani senza pasti equilibrati

Il Banco Alimentare ha presentato i risultati di una indagine sulla povertà alimentare che rivela alcuni dati interessanti.

Nove milioni di persone in Italia si trovano in stato di povertà, di questi ben 6 milioni in stato di povertà assoluta: questo significa che il 10% della popolazione in Italia è così povera da non potersi permettere pasti regolari ed equilibrati. Essere in povertà assoluta in Italia significa avere 800 euro al mese per tutto il nucleo familiare, per tutte le spese.

Sempre più persone non possono permettersi un pasto con una componente proteica ogni due giorni, e questo dato è più che raddoppiato dal 2007 ad oggi.

Circa il 50% delle persone che si rivolgono a strutture caritative aiutate da Banco Alimentare sono italiani, un dato in forte crescita negli ultimi anni.

Nella fascia dei bambini e ragazzi (0-17) l’incidenza della povertà è quadruplicata dal 2007 ad oggi. Se i poveri assoluti in Italia sono circa 9 su 100, nella fascia 0-17 arriviamo a 13 su 100. Il dato è riferito soprattutto a famiglie con tanti figli o ai figli di genitori separati.

La perdita del lavoro è la prima causa di povertà. Ma anche avendo un lavoro, seguono a stretto giro il fatto di lavorare ma non avere un reddito sufficiente per il nucleo familiare e la perdita della casa/sfratto.

Ben 14 famiglie su 100 in Italia non possono permettersi un’alimentazione equilibrata con cibo proteico almeno ogni due giorni. In Grecia il dato è simile (13,8), mentre in Francia è 7,4 e in Spagna 3,5.

(fonte: Servizio studi della Camera dei deputati)

L'infografica dell'indagine

infografica-banco-alimentare

Argomenti: