I lavori della Camera in diretta

Approvata mozione per lo sblocco del turnover in sanità

Approvata mozione per lo sblocco del turnover in sanità

È stata approvata ieri alla Camera la mozione del Partito Democratico, con la firma anche dell’onorevole Elena Carnevali, per sbloccare il turnover all’interno del sistema sanitario pubblico italiano, la cui eccellenza – riconosciuta a livello internazionale – poggia proprio sulla professionalità e le competenze degli oltre 700.000 operatori del settore pubblico, un milione se consideriamo anche le strutture convenzionate.

Negli ultimi anni è stato risparmiato circa un miliardo di euro (e ulteriori 700 milioni nei prossimi anni) con operazioni sul blocco del turnover, soprattutto nelle regioni con piano di rientro, a cui si sono aggiunti il blocco dei trattamenti accessori della retribuzione, delle procedure contrattuali e la riduzione delle risorse per la formazione specialistica dei medici e personale sanitario. Ora però è necessario porsi con un atteggiamento diverso per non eccedere in penalizzazione dei professionisti che ogni giorno lavorano per garantire la funzionalità del nostro sistema, per fornire cure adeguate e assistenza a chi ne ha bisogno.

Accanto al perseguimento dell’appropriatezza delle cure, alcuni effetti sono stati l’aumento delle liste d’attesa, una limitazione dell’offerta nella componente sociosanitaria, un aumento dei carichi di lavoro e il ricorso ai turni straordinari. Si è diffusa la pratica dell’outsourcing e del ricorso al lavoro flessibile. È giunto il momento di rivedere i vincoli imposti per la gestione del personale, al fine di favorire un giusto ricambio generazionale, garantendo le assunzioni a tempo indeterminato soprattutto presso quelle strutture che ne hanno maggiore necessità, perché presidi fondamentali per la tutela della salute: si tratta dei reparti di terapia intensiva, dei centri trapianti, dei pronto soccorso, dell’assistenza domiciliare.

La mozione approvata è un passo importante per impegnare il Governo ad agire in questa direzione.

Argomenti: