I lavori della Camera in diretta

Sindrome da talidomide, parere favorevole della commissione affari costituzionali

Sindrome da talidomide, parere favorevole della commissione affari costituzionali

Il testo che contiene «Nuove disposizioni in materia di indennizzo a favore delle persone affette da sindrome da talidomide» e che estende l’indennizzo attualmente riconosciuto ai soggetti affetti da sindrome da talidomide nella forma dell’amelia, dell’emimelia, della focomelia e della micromelia, nati nella fascia temporale compresa tra il 1959 e il 1965, anche ai nati nell’anno 1958 e nell’anno 1966, a decorrere dal 1° gennaio 2015 è stato esaminato nella giornata di oggi dal comitato permanente per i pareri della commissione affari costituzionali.

Marilena Fabbri

La relatrice Marilena Fabbri (Pd) ha illustrato le ultime modifiche apportate al testo dalla commissione affari sociali nella seduta del 28 aprile per recepire le osservazioni della commissione bilancio e ha spiegato che, riguardo al rispetto delle competenze legislative costituzionalmente definite, la materia trattata dal provvedimento può essere ricondotta all’ordinamento civile, alla determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale, oggetto di competenza legislativa esclusiva ai sensi dell’articolo 117, comma secondo, lettere l) e m), della Costituzione e alla tutela della salute, oggetto della competenza legislativa concorrente ai sensi dell’articolo 117, comma terzo, della Costituzione. Per queste ragioni ha formulato una proposta di parere favorevole che è stata approvata dal comitato.

Questo è il testo:

Il Comitato permanente per i pareri della I Commissione,

– esaminato il nuovo testo unificato delle proposte di legge C. 263 Fucci e abb., recante «Nuove disposizioni in materia di indennizzo a favore delle persone affette da sindrome da talidomide»;

– considerato che la Commissione in sede referente ha accolto il rilievo formulato nella premessa del parere reso dal Comitato permanente per i pareri della I Commissione nella seduta dell’11 marzo scorso;

– considerato, altresì, che le disposizioni da esso recate sono riconducibili alle materie «ordinamento civile» e «determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale», ascrivibili alla competenza legislativa esclusiva ai sensi dell’articolo 117, comma secondo, lettere l) e m), della Costituzione, nonché «tutela della salute», attribuita alla competenza legislativa concorrente ai sensi del medesimo articolo 117, comma terzo, della Costituzione;

esprime

PARERE FAVOREVOLE

Argomenti:
Persone: