Festival del volontariato 2015, la legge nazionale sul «dopo di noi»

Festival del volontariato 2015, la legge nazionale sul «dopo di noi»

«Visioni europee, le radici superano i confini»: è questo il tema del Festival del volontariato 2015 che si terrà a Lucca, all’ex real Collegio, dal 16 al 19 aprile, organizzato dal Centro nazionale per il volontariato.

Secondo Edo Patriarca, presidente del Centro, «L’Europa viene evocata tutti i giorni, è un’Europa matrigna, burocratica e tecnocratica, lontana dai popoli e dai cittadini. Viviamo nel cuore
una contraddizione lancinante tra la visione che abbiamo coltivato nei decenni scorsi e il dato di realtà, spesso avvilente; tra le dichiarazioni dei padri costituenti e le argomentazioni becere e volgari di alcuni leader politici anche nostrani. L’Europa ha bisogno dei suoi cittadini, delle sue organizzazioni civili, delle sue imprese e di istituzioni efficienti. Il Festival e il Centro vogliono lanciare un appello agli europei, agli europei italiani, per riprenderci quella intuizione ambiziosa quasi struggente di Robert Schuman: “se potrà contare su un rafforzamento dei mezzi, l’Europa sarà in grado di proseguire nella realizzazione di uno dei suoi compiti essenziali: lo sviluppo del continente africano”».

Il nutrito programma di incontri prevede anche, sabato 18 aprile, un convegno sul tema del durante e dopo di noi, coordinato da Patrizia Frilli, presidente del coordinamento Dipoi, e al quale parteciperanno:

– Vinicio Ezio Biagi, Coordinatore Area Politiche di Solidarietà sociale e Integrazione socio sanitaria Regione Toscana
– Edoardo Patriarca, Presidente Centro Nazionale per il Volontariato
– Alessandro Bianchini, Presidente Fondazione Volontariato e Partecipazione
– Filippo Toccafondi, Cesvot
– Elena Carnevali, Parlamentare, Relatrice DDL in materia di assistenza a favore delle persone affette da disabilità grave
– Lino Lacagnina, Responsabile Progetto Volontariato Fondazione Don Gnocchi
– Donata Vivanti, Forum Nazionale Terzo Settore.

«Durante e dopo di noi. Una policy regionale, un indirizzo governativo, una legge nazionale» è il tema dell’incontro che «analizzerà lo stato dell’arte delle politiche regionali toscane e del livello legislativo ed esecutivo nazionale per fornire alle associazioni strumenti utili ad impostare al meglio il loro lavoro quotidiano di cura e assistenza», come spiega Patrizia Frilli, presidente del coordinamento “Dipoi”.

Qui è possibile scaricare il programma completo del festival.

Argomenti:
Persone: