I lavori della Camera in diretta

La nuova legge sulla responsabilità civile dei magistrati

La nuova legge sulla responsabilità civile dei magistrati

La modifica della legge che disciplina la responsabilità civile dei magistrati, la  «Legge Vassalli» (che regola l’azione utile a far valere la responsabilità civile dello Stato per i danni causati dalla condotta illecita di un magistrato), si è resa necessaria sostanzialmente per due motivi: la sua scarsa concreta applicazione; l’apertura di una procedura d’infrazione europea.

Il testo della riforma è stato già approvato dal Senato e non è stato modificato dalla Commissione Giustizia in sede referente. Quindi l’approvazione è definitiva.

Proprio la giurisprudenza della Corte di giustizia dell’Unione europea, nell’evidenziare l’intento di assicurare ai cittadini un rimedio risarcitorio completo per i danni subiti anche dall’esercizio della giurisdizione, definisce come essenziale che sia lo Stato e non il singolo giudice a rispondere in modo diretto per eventuali violazioni del diritto dell’Unione europea commesse nell’esercizio della giurisdizione. Il testo della legge mira proprio a sanare l’infrazione sollevata nei confronti dell’Italia.

Il servizio di YouDem

La proposta è composta da sette articoli che introducono modifiche agli articoli 2, 4, 7, 9 e 23 della legge 117 del 1988 sulla responsabilità civile dei magistrati.

Gli elementi principali sono:

– il mantenimento dell’attuale principio della responsabilità indiretta del magistrato (l’azione risarcitoria avviene nei confronti dello Stato);

– la limitazione della clausola di salvaguardia che esclude la responsabilità del magistrato;

– la ridefinizione delle fattispecie di colpa grave;

– l’eliminazione del filtro endoprocessuale di ammissibilità della domanda (viene eliminata cioè la norma che prevedeva che la decisione sull’ammissibilità del risarcimento spettasse allo stesso Tribunale del dibattimento);

– una più stringente disciplina della rivalsa dello Stato verso il magistrato.

Il commento di Davide Ermini, responsabile giustizia del Pd (YouDem)

I punti più discussi sia nella commissione che nel dibattito pubblico e sui media hanno riguardato i nuovi casi di colpa grave e, in particolare, il travisamento del fatto o delle prove. E questo perché la responsabilità per il travisamento del fatto o delle prove sarebbe legata alla fisiologica attività valutativa del giudice che è propria dell’esercizio della funzione giurisdizionale. Su questo punto in particolare è necessario sottolineare il rilievo, costruttivo e da condividere, secondo il quale le preoccupazioni suscitate dalla nuova ipotesi di travisamento del fatto o delle prove possono essere superate ricorrendo ad un’interpretazione costituzionalmente orientata in base alla quale costituisce travisamento la «affermazione di un fatto la cui esistenza è incontrastabilmente esclusa dagli atti del procedimento» o dalla «negazione di un fatto la cui esistenza risulta incontrastabilmente dagli atti del procedimento».

In altri termini, risulta chiaro come l’interpretazione costituzionalmente orientata della norma imponga di considerare che l’unico «travisamento» rilevante ai fini della responsabilità civile del magistrato sia quello macroscopico, evidente, che non richiede alcun approfondimento di carattere interpretativo o valutativo. Per questa ragione sono stati respinti anche gli emendamenti che qualificavano come «manifesto» il travisamento.

Leggi il dossier di deputatipd.it.

Argomenti: