I lavori della Camera in diretta

Avis, donazioni «vip» per il Papa Giovanni

Avis, donazioni «vip» per il Papa Giovanni

Sono numerosi i volontari avisini che in questi giorni stanno rispondendo all’emergenza sangue lanciata dall’ospedale Papa Giovanni XXIII.

Il sangue dei generosi bergamaschi, che lo scorso anno per eccedenze è giunto anche a Milano e persino a Cagliari, al momento occorre proprio ai degenti della nostra città.

Ieri anche alcuni rappresentanti delle istituzioni locali hanno deciso di iscriversi ad Avis e sottoporsi alle visite di controllo per verificare di essere idonei alla donazione.

Il sindaco Giorgio Gori è stato il primo, poi è stato il turno di Matteo Rossi, presidente della provincia: «Ho aderito di buon grado all’appello – afferma Rossi -. Fino a oggi, a differenza di migliaia di bergamaschi, non avevo avuto occasione di fare quest’esperienza che costa veramente poco, ma è un gesto importante che può salvare tante vite».

eco-bg-18-gennaio-2015-avisL’appello a donare
Le attività dell’ospedale non si fermano mai, come evidenzia Carlo Nicora, direttore generale del Papa Giovanni XXIII, anche lui sottoposto a esami e prelievi di rito: «Tutti dobbiamo essere solidali e perciò lancio un appello a tutto il personale sanitario: medici, infermieri e tecnici, perché diventino anche loro donatori. È un atto che non costa nulla ma dà grande speranza a chi lo riceve». Volentieri ha raccolto l’appello anche la deputata Elena Carnevali: «Credo che vada colta l’occasione – sottolinea – per incentivare la donazione di sangue e plasma, fondamentale per la buona riuscita di interventi dovuti a traumi, malattie e al trapianto. Mi impegnerò a essere un donatore permanente fino a quando mi sarà possibile». A Monterosso, alla Casa del Donatore, è possibile donare 360 giorni all’anno. Presso i punti di raccolta di Romano di Lombardia e Piario il venerdì, sabato e domenica e nelle altre sedi – gli ospedali di Calcinate, Gazzaniga, Ponte San Pietro, Sarnico, San Giovanni Bianco, Trescore e Zingonia – unicamente la domenica. «Recentemente abbiamo introdotto presso la Casa del Donatore l’obbligo di prenotazione – spiega Oscar Bianchi, presidente Avis provinciale – per rispondere con sempre maggior efficacia ai bisogni dei malati. Dall’l aprile prossimo, questa prassi si estenderà a tutti i punti di raccolta».

La campagna di sensibilizzazione che Avis nazionale e il Centro nazionale sangue stanno portando avanti consente dunque una donazione sempre più consapevole e puntuale. Una novità: presso la sede, una volta effettuata la donazione, il donatore può già prenotarsi per la successiva attraverso i tablet dedicati. Avis provvederà poi a inoltrare un sms sul numero di cellulare del donatore per ricordare l’appuntamento.

«L’Eco di Bergamo», 18 gennaio 2015

Per donare presso il Centro del Monterosso occorre prenotarsi via web sulla «Pagina del donatore» del sito www.avisbergamo.it e telefonicamente al numero 035.342222 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30 e il sabato dalle 8.30 alle 12.

Argomenti:
Persone: