I lavori della Camera in diretta

Inaugurato spazio hi-tech per i bimbi di neuropsichiatria

Inaugurato spazio hi-tech per i bimbi di neuropsichiatria

Alla neuropsichiatria infantile nella sede Asl di Borgo Palazzo a Bergamo è stato inaugurato il nuovo spazio multifunzionale “Le parole leggere”, dotato di strumenti multimediali a tecnologia avanzata e appositamente sviluppato da esperti nella riabilitazione dell’età evolutiva. Un’iniziativa promossa dall’associazione “Nepios” onlus, impegnata a tutela dell’infanzia, in collaborazione con l’azienda ospedaliera “Papa Giovanni XXIII” e l’azienda sanitaria locale.

Si tratta di un aiuto concreto e innovativo per i bambini con disturbi di apprendimento, di comunicazione o nel linguaggio. A spiegarlo è il direttore generale dell’Azienda ospedaliera Papa Giovanni XXIII, Carlo Nicora: “Attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie multimediali, il nuovo spazio rappresenta uno strumento molto importante per i bambini con difficoltà espressive, linguistiche o di apprendimento, con effetti positivi per loro in prima persona, ma anche per la loro sfera relazionale, familiare e sociale. Strumenti che si inseriscono in un ambiente che presta la massima attenzione nell’essere accogliente e piacevole per i più piccoli ma anche per i genitori che li accompagnano. Una prerogativa resa possibile grazie al lavoro quotidiano dei nostri operatori e al contributo di benefattori, come Nepios, imprese e privati del territorio. Una collaborazione, quella con Nepios, che negli ultimi quindici anni ha visto concretizzare molti progetti, frutto in modo particolare della dedizione e della passione della presidente, Tullia Vecchi”. Per lasciare traccia dell’impegno da lei profuso, quindi, all’ingresso dello spazio “Le parole leggere” è stata posta una targhetta in memoria di suo figlio, Armando Forcella, prematuramente scomparso.

La peculiarità dello spazio è quella di disporre di una strumentazione innovativa che vuole superare il concetto tradizionale dei servizi sanitari-assistenziali offrendo percorsi volti a sostenere “il progetto di vita” della persona disabile e della sua famiglia. […]

Alla cerimonia di inaugurazione hanno preso parte anche i parlamentari bergamaschi Elena Carnevali e Giovanni Sanga, i consiglieri regionali Silvana Saita e Mario Barboni, e l’ex sindaco Franco Tentorio, che hanno espresso il proprio apprezzamento per l’iniziativa e l’importanza di “abbattere i muri” tra le persone.

Grande emozione, infine, viene espressa dalla presidente di Nepios Tullia Vecchi: “Con questa iniziativa abbiamo voluto essere vicini ai bambini, ma anche alle mamme e ai papà, che si trovano di fronte a situazioni di difficoltà. E ci impegnamo a mantenere sempre aggiornati nel tempo gli strumenti di questo spazio”.

Continua a leggere qui.

Bergamonews, 12 dicembre 2014

Argomenti: