I lavori della Camera in diretta

Ginecologia oncologica, il governo monitori la qualità della formazione

Nella seduta del 14 ottobre la Commissione affari sociali ha approvato una risoluzione sul tema della formazione e dell’esercizio della professione nella ginecologia oncologica. La commissione ha impegnato il governo a realizzare un effettivo monitoraggio sui risultati della qualità della formazione in questo campo e ad attuare opportune iniziative per favorire l’attivazione presso le università o aziende ospedaliere di percorsi formativi in ginecologia oncologica, valutando l’opportunità di modificare la normativa vigente per rendere l’ordinamento didattico della Scuola di specializzazione in ginecologia ed ostetricia più congruente con lo sviluppo delle competenze e delle tecnologie in oncoginecologia.

La XII Commissione,

premesso che:

– i tumori ginecologici rappresentano una delle principali cause di mortalità femminile, accanto a quelli al polmone, e rappresentano un problema sensibile sia per le pazienti che per la responsabilità professionale degli operatori sanitari;
otto diagnosi di tumore all’ovaio su dieci giungono quando il cancro è ormai in fase avanzata e in questi casi la sopravvivenza delle pazienti è in media solo del 30 per cento, mentre tale dato si inverte radicalmente se la malattia viene diagnosticata in tempo;

– la ginecologia oncologica, ai sensi del decreto ministeriale del 29 gennaio 1992, è inserita nell’«elenco delle alte specialità mediche» per le quali sono in vigore (al fianco di altri settori come quelli della cardiologia medico-chirurgica, dei trapianti d’organo e delle malattie vascolari) una serie di criteri e standard organizzativi e gestionali del massimo livello;

– premessa al citato decreto ministeriale è che l’articolo 5 della Legge 23 ottobre 1985, n. 595, definisce le cosiddette «alte specialità» come: «Le attività di diagnosi, cura e riabilitazione che richiedono particolare impegno di qualificazione, mezzi, attrezzature e personale specificatamente formato»;

– il decreto ministeriale 1o agosto 2005 individua le Scuole di specializzazione di area sanitaria definendone nel dettaglio il profilo specialistico, gli obiettivi formativi ed i percorsi didattici;

– l’ordinamento didattico della Scuola di specializzazione in ginecologia ed ostetricia prevede l’acquisizione, da parte dei medici specializzandi, di specifiche competenze in campo oncologico (aspetti diagnostici, chirurgici e medici delle neoplasie genitali femminili e della mammella) e, tra le attività professionalizzanti obbligatorie, prevede lo svolgimento di almeno 50 interventi di alta chirurgia, di cui il 10 per cento come primo operatore, compresi quelli afferenti alla ginecologia oncologica;

– molti giovani medici appassionati di questa importante e delicata branca della medicina si impegnano nel seguire percorsi individuali ad esempio iscrivendosi a corsi privati certamente di qualità e autorevolezza scientifica;

– oltretutto, aspetto nella pratica non secondario, il seguire questi percorsi individuali comporta un esborso economico personale che può essere non indifferente vista la soglia ormai sempre più elevata di ingresso nella professione dopo il compimento della specializzazione (ormai si parla stabilmente di una forbice tra 30 e a volte perfino 35 anni) e vista l’impossibilità di avere un reddito adeguato essendo oggi vietato esercitare la professione già durante la specializzazione, l’articolo 43 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368, ha istituito presso il MIUR l’Osservatorio nazionale della formazione medica specialistica con il compito di:

a) determinare gli standard per l’accreditamento delle strutture universitarie e ospedaliere per le singole specialità;
b) determinare e verificare i requisiti di idoneità della rete formativa e delle singole strutture che le compongono;
c) effettuare il monitoraggio dei risultati della formazione;
d) definire i criteri e le modalità per assicurare la qualità della formazione, in conformità alle indicazioni dell’Unione europea;

– l’Osservatorio nazionale della formazione medica specialistica è attualmente coinvolto nel tavolo tecnico istituito presso il MIUR per la modifica del citato decreto 1o agosto 2005;

– allo stesso tempo ad occuparsi di formazione (oltre che di ricerca, monitoraggio, valutazione e innovazione) è l’AGENAS, ente pubblico non economico nazionale, che svolge una funzione di supporto tecnico e operativo alle politiche di governo dei servizi sanitari di Stato e Regioni,

impegna il Governo:

ad effettuare un attento monitoraggio sui risultati della qualità della formazione anche con riguardo a specifiche competenze nel campo della ginecologia-oncologica;

con specifico riferimento al tema della formazione e a quello ad esso collegata della ricerca, ad attuare tutte le iniziative di competenza per favorire l’attivazione presso le università o aziende ospedaliere di percorsi formativi in ginecologia oncologica;

a valutare l’opportunità di una modifica del citato decreto ministeriale 1o agosto 2005, al fine di rendere l’ordinamento didattico della Scuola di specializzazione in ginecologia ed ostetricia congruente sia con i mutati bisogni di salute della popolazione femminile sia con lo sviluppo delle conoscenze, competenze e tecnologie in oncoginecologia.

 

Argomenti: