I lavori della Camera in diretta

Peste suina, iniziata la discussione della proposta di risoluzione

La Commissione affari sociali ha iniziato nella seduta di ieri la discussione della proposta di risoluzione su «Iniziative volte a fronteggiare la peste suina africana e la malattia vescicolare suina».

donata-lenzi-obiezione-coscienza
Donata Lenzi

Donata Lenzi, primo firmatario della proposta, ne ha illustrato il contenuto ricordando che l’iniziativa ha origine dal fatto che gli allevamenti di suini italiani sono attualmente colpiti da due emergenze sanitarie: la peste suina africana (PSA) e la malattia vescicolare suina (MVS), che provocano danno a tutto il settore suinicolo e di trasformazione e ne limitano le esportazioni e la commercializzazione dei prodotti.

La peste suina africana è una malattia altamente contagiosa dei suini domestici e selvatici, non trasmissibile all’uomo, che in Italia è presente dal 1978 solo in Sardegna, laddove la presenza di allevamenti di piccole dimensioni, accompagnata dalla presenza di cinghiali selvatici, ha reso difficile l’eradicazione della malattia. I firmatari della risoluzione chiedono al Governo di impegnarsi ad assumere una serie di iniziative per verificare la piena attuazione di ordinanze ministeriali adottate in materia di peste suina; attuare un controllo per la MVS sui suini di importazione; disporre nterventi immediati per l’identificazione delle aziende infette per MVS, con l’abbattimento dei capi infetti, nonché disporre tutte le norme di biosicurezza; verificare quali siano i punti critici che hanno impedito di giungere all’eradicazione della PSA dalla regione Sardegna; coinvolgere i veterinari aziendali liberi professionisti che operano negli allevamenti di suini per affrontare tali criticità e giungere alla risoluzione dell’infezione in Sardegna; attuare negli allevamenti di suini della Sardegna tutte le misure di biosicurezza essenziali ad evitare il contagio come l’applicazione di una quarantena degli animali, l’uso di calzari e indumenti monouso negli allevamenti, la costruzione di doppi recinti negli allevamenti per evitare contagio con cinghiali allo stato selvatico, il divieto di usare scarti e avanzi alimentari nell’alimentazione dei suini.

Argomenti: