Un’ammistrazione in prima linea nella lotta alla corruzione

Un’ammistrazione in prima linea nella lotta alla corruzione

«Le recenti vicende di cronaca legate ad Expo ci hanno spinto a un ulteriore approfondimento di un aspetto già presente nel programma del centrosinistra: vogliamo un’amministrazione trasparente, in prima linea nella lotta alla corruzione». A parlare è Giorgio Gori, che questa mattina ha presentato – insieme agli onorevoli del Pd Elena Carnevali e Antonio Misiani – le sue proposte per un Palafrizzoni che, in caso sua elezione, sarà una «casa di vetro» il più possibile cristallina. «La Lombardia è la terza regione italiana a più alto rischio di infiltrazioni mafiose: servono non solo prevenzione e repressione, ma soprattutto operazioni culturali ad alto impatti – spiega Carnevali -. Per questo il comune di Bergamo ad Avviso Pubblico (la rete di enti locali per la formazione civile contro le mafie) e sottoscriverà la Carta di Pisa, il codice etico-comportamentale per gli amministratori pubblici con regole precise mirate a rafforzare la trasparenza e la legalità all’interno delle istituzioni».
Continua a leggere qui

bergamo.corriere.it, 22 maggio 2014

Argomenti: