I lavori della Camera in diretta

La Giornata Internazionale contro l’uso dei bambini soldato

La Giornata Internazionale contro l’uso dei bambini soldato

Il 12 febbraio del 2002 è entrato in vigore il Protocollo Opzionale alla Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, concernente il coinvolgimento dei minori nei conflitti armati: uno strumento giuridico che stabilisce che nessun minore di 18 anni possa essere reclutato forzatamente o utilizzato direttamente nelle ostilità, né dalle forze armate di uno Stato né da gruppi armati. A oggi sono 153 gli Stati che hanno ratificato il Protocollo e si sono impegnati a bandire l’uso dei bambini nei conflitti armati. Tuttavia il fenomeno sembra drammaticamente in aumento.

“Sono ancora troppi nel mondo i bambini e gli adolescenti coinvolti in conflitti armati, e all’aggravarsi della situazione in scenari come la Siria o il Sud Sudan corrisponde purtroppo un incremento di un fenomeno intollerabile. Come europei abbiamo il dovere di supportare le azioni condotte su questa materia dalle associazioni che si occupano di infanzia, a cominciare dalla Coalizione Italiana Stop all’Uso dei Bambini Soldato”.

Lo ha affermato l’europarlamentare democratica Silvia Costa, membro a Bruxelles della commissione Libertà civili.

“Come ci ha ricordato Murhabazi Namegabe, vincitore del premio mondiale dei bambini nel 2011 e responsabile dell’ufficio per il “Volontariato a servizio dell’infanzia e della salute” della Repubblica democratica del Congo, lo scorso giungo durante il convegno organizzato al Parlamento europeo, c’è bisogno di un rafforzamento del sostegno politico da parte dell’Unione europea, per far applicare e rispettare il diritto internazionale a livello locale. Anche provando ad incidere sull’entità di questo odioso crimine nei Paesi partner commerciali dell’Europa”, ha aggiunto.

Nel mondo, sono ancora più di 250.000 i bambini e gli adolescenti soldato. La Coalizione Italiana Stop all’Uso dei Bambini Soldato, esprimendo grande preoccupazione per le notizie che giungono dalla Siria, dal Sud Sudan e della Repubblica Centrafricana sul coinvolgimento dei minori nei conflitti armati, in occasione della Giornata Internazionale contro l’uso dei bambini soldato lancia il nuovo sito www.bambinisoldato.it. Uno spazio interamente dedicato al tema in cui è possibile trovare news e approfondimenti in lingua italiana e una sezione con la documentazione internazionale sul fenomeno.

(fonte: partitodemocratico.it)

Argomenti: