I lavori della Camera in diretta

Misure cautelari personali, il parere della Commissione affari sociali

Misure cautelari personali, il parere della Commissione affari sociali

I lavori della Camera dei deputati prevedono da domani la discussione della proposta di legge Ferranti ed altre abbinate che prevedono alcune modifiche al codice di procedura penale sulle misure cautelari personali.

La Commissione affari sociali ha esaminato nelle sedute di mercoledì 4 e giovedì 5 dicembre il provvedimento nelle parti di sua competenza per esprimere il proprio parere alla Commissione giustizia.

Il provvedimento delimita i casi in cui si possa fare ricorso alle misure cautelari per impedire un ulteriore sovraffollamento delle carceri. L’unica norma di competenza della Commissione affari sociali è stata soppresa durante l’esame in Commissione giustizia e prevedeva una modifica dell’articolo 73 del testo unico sugli stupefacenti, riducendo la pena per alcuni illeciti di lieve entità e, di conseguenza, l’applicabilità delle misure cautelari.

Nel corso della discussione, Andrea Cecconi (M5s) ha chiesto che nel parere della Commissione fosse chiesto il ripristino della norma soppressa durante l’esame in sede referente con la previsione di ridurre la pena per alcuni illeciti di lieve entità.

Il parere approvato dalla Commissione nella seduta di giovedì contiene questa osservazione. Ecco il testo:

La XII Commissione (Affari sociali),

   esaminato, per le parti competenza, il nuovo testo della proposta di legge C. 631 Ferranti e abb. «Modifiche al codice di procedura penale in materia di misure cautelari personale», quale risultante dagli emendamenti approvati,

esprime

PARERE FAVOREVOLE

con la seguente osservazione:

   a) valuti la Commissione di merito l’opportunità di reinserire nel testo la disposizione volta a modificare l’articolo 73 del decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, recante il testo unico sugli stupefacenti, riducendo la pena per alcuni illeciti di lieve entità e, conseguentemente, l’applicabilità delle misure cautelari.

 

Argomenti: