La Giornata dei diritti delle persone disabili

La Giornata dei diritti delle persone disabili

Il 3 dicembre si celebra in tutto il mondo la “Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità”: un’occasione importante per ricordare i molti e gravi problemi delle persone che vivono tale realtà; per ribadire il principio della dignità e del rispetto dell’uomo – principio troppo spesso negato o conculcato; e per rafforzare ed accrescere la consapevolezza, in tutti, degli indubbi vantaggi derivanti, per tutti, dall’integrazione dei cosiddetti disabili in ogni aspetto della vita sociale, come saggiamente previsto e doverosamente riconosciuto nel “Programma di azione mondiale per le persone disabili”, adottato nel 1982 dall’Assemblea Generale dell’ONU.

Secondo le stime dell’ONU, oltre un miliardo di persone, circa il 15% della popolazione mondiale, vive con una o più forme di disabilità permanente. Esse devono affrontare ogni giorno barriere di natura fisica, sociale, economica, preclusive di ogni e qualsiasi partecipazione effettiva alla vita sociale del proprio paese e del mondo.

Nel messaggio annuale delle Nazioni Unite, il Segretario Generale Ban Ki-moon sottolinea la necessità di tenere sempre viva l’attenzione su questa problematica. “Questa Giornata rappresenta un’opportunità per diffondere una maggiore consapevolezza sulle tematiche legate alla disabilità e sul problema dell’accessibilità dei servizi, riconosciuto dall’Assemblea Generale e dalla comunità internazionale come un obiettivo di sviluppo prioritario per l’affermazione dei diritti umani delle persone disabili. Occorre rimuovere tutte le barriere che impediscono l’inclusione e la partecipazione alla società delle persone con disabilità, anche cambiando gli atteggiamenti che alimentano e istituzionalizzano la discriminazione.

Dobbiamo impegnarci di più per assicurare che infrastrutture e servizi assicurino uno sviluppo inclusivo, equo e sostenibile per tutti. Ciò significa anche garantire una partecipazione significativa nei processi decisionali relativi a diritti e interessi delle persone con disabilità, realizzando un ambiente accessibile. A tal fine, stiamo inaugurando un Centro delle Nazioni Unite per l’Accessibilità presso il nostro quartier generale. Faccio appello a tutto il sistema delle Nazioni Unite e ai nostri partner affinché diano seguito a questa iniziativa.”

Per la “Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità”, tutte le organizzazioni interessate (governative, non governative e del settore privato) hanno quindi l’opportunità di centrare l’attenzione su misure innovative, utili a migliorare le norme internazionali e gli standard di vita riguardanti le persone disabili.

Le scuole, le università e le istituzioni consimili possono dare un prezioso contributo, coinvolgendo la più ampia parte possibile della società in genere ed in particolare il mondo della cultura, dell’economia e della politica.

È importante che a sostegno della Giornata si organizzino eventi, forum, scambi di opinioni e discussioni pubbliche, sia sui modi che più felicemente possano consentire alle persone con disabilità e alle loro famiglie di raggiungere una vita più sostenibile, indipendente, al riparo dalla insicurezza economica, e sia sul contributo effettivo – di lavoro, di pensiero, di creatività – che proprio le persone suddette possono offrire alla società in cui vivono.

Molto può e deve fare, in questa direzione, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, nelle proprie sessioni con cadenza annuale, soprattutto riguardo alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica per le problematiche su ricordate. L’accesso alla cultura, diritto fondamentale sancito dalla Convenzione dell’ONU sui diritti delle persone con disabilità (art. 30) è stato fatto proprio dal suddetto nostro Ministero, che, con lo slogan “Un giorno all’anno tutto l’anno”, ha voluto confermare, anche per il 2013, l’impegno ad assicurare le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione del patrimonio culturale.

E proprio in collaborazione con quel Ministero, gli Istituti territoriali del MiBACT organizzeranno una giornata nel mese di dicembre 2013, dedicata a manifestazioni, eventi e incontri vòlti a promuovere occasioni di comunicazione e condivisione di iniziative previste e attuate nell’àmbito dell’ accessibilità al nostro patrimonio culturale.

Si ricorda, con l’occasione, che il decreto ministeriale n. 239 del 20 aprile 2006, relativo alle modalità di accesso ai musei ed ai luoghi della cultura, consente, tutto l’anno, l’ingresso gratuito “ai cittadini dell’Unione europea portatori di handicap e ad un loro familiare o ad altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza a servizi di assistenza socio-sanitaria”.

(fonte: governo.it)

Argomenti: