Barriere architettoniche, coinvolgere il Ministro del lavoro nella formazione della commissione

Barriere architettoniche, coinvolgere il Ministro del lavoro nella formazione della commissione

Si è concluso oggi in commissione l’esame in sede consultiva della proposta di legge che prevede l’emanazione di un regolamento in cui far confluire la legislazione vigente sul tema dell’abbattimento delle barriere architettoniche per superare l’attuale frammentazione normativa.
La relatrice Vittoria D’Incecco (Pd) ha presentato una proposta di parere che è stata approvata all’unanimità.
Questo è il testo:

La XII Commissione,
   esaminato, per le parti di competenza, il nuovo testo della proposta di legge C. 1013 D’Incecco, recante «Disposizioni per il coordinamento della disciplina in materia di abbattimento delle barriere architettoniche»,
   valutati favorevolmente le finalità e il contenuto del provvedimento in oggetto;
   reputato tuttavia opportuno che nella procedura di nomina dei componenti della predetta Commissione, attribuita dal testo in oggetto alla competenza del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sentita la Conferenza Stato-regioni, sia coinvolto anche il Ministro del lavoro e delle politiche sociali,
   ritenuto altresì opportuno che il Parlamento sia informato sull’andamento dei lavori della ricostituenda Commissione permanente;
esprime:

PARERE FAVOREVOLE

con le seguenti osservazioni:
   a) valuti la Commissione di merito l’opportunità, all’articolo 1, comma 3, di coinvolgere il Ministro del lavoro e delle politiche sociali nella procedura per la composizione della Commissione;
   b) valuti la Commissione di merito l’opportunità di introdurre una disposizione al fine di prevedere un obbligo di informazione alle competenti Commissioni parlamentari sullo stato di avanzamento dei lavori della Commissione.

Argomenti: