I lavori della Camera in diretta

L’Accademia della Guardia di Finanza resterà a Bergamo

L’Accademia della Guardia di Finanza resterà a Bergamo

L’Accademia della Guardia di Finanza non solo resterà a Bergamo ma potrebbe ampliare la sua presenza. A tal punto che il comando generale della Gdf – durante un incontro a Roma – ha accolto con interesse l’idea di utilizzare una parte degli ex Ospedali Riuniti.

Tutto è emerso nel corso di un incontro che si è svolto giovedì 17 ottobre a Roma nella sala del Governo alla Camera dei Deputati: erano presenti i parlamentari bergamaschi, Elena Carnevali (Pd), Gregorio Fontana (Pdl), Cristian Invernizzi (Lega), Pia Locatelli (Psi), Antonio Misiani (Pd), Marco Pagnoncelli (Pdl), e i rappresentati del Governo, l’on. Luigi Casero, viceministro dell’Economia, l’on. Alberto Giorgietti, sottosegretario, e il comandante generale della Guardia di Finanza gen. Saverio Capolupo, e il gen. Giuseppe Zafarana, comandante dell’Accademia.

I deputati bergamaschi, come annunciato nei mesi scorsi, hanno intrapreso, in sinergia con Comune di Bergamo, Provincia e Regione Lombardia, una serie di contatti con comando della Guardia di Finanza e ministero dell’Economia nell’ambito del progetto che ha come obbiettivo il mantenimento e il rilancio della presenza dell’Accademia della Guardia di Finanza a Bergamo.

Al termine dell’incontro i parlamentari bergamaschi si sono dichiarati particolarmente soddisfatti da questo primo appuntamento perché non solo è emersa la volontà del corpo di mantenere la sua Accademia a Bergamo ma anche l’obiettivo di potenziarla e di accorpare tutti i cinque anni di corso nella sola sede bergamasca (ora si svolge solo il triennio).

[…]

Il viceministro dell’Economia Luigi Casero e il sottosegretario Alberto Giorgietti, in rappresentanza del ministro dell’Economia, hanno di fatto dato conto della disponibilità del ministero di via XX Settembre, una volta valutato in tutti i suoi aspetti il progetto, di favorire l’attivazione di tutti gli opportuni strumenti di sostegno economico per consentire la fattibilità dell’opera.
“Si tratta – concludono i parlamentari bergamaschi – di un primo passo importante che ha come obiettivi: il mantenimento a Bergamo di una istituzione così importante e prestigiosa quale è l’Accademia della Guardia di Finanza; la creazione di un polo formativo di eccellenza, sviluppando una adeguata sinergia con l’ateneo bergamasco; ed infine quello di dare un contributo decisivo per la risoluzione dei problemi della città riguardanti la nuova sistemazione dell’area degli ex Riuniti”.

(foto di Beppe Bedolis – fonte: L’Eco di Bergamo)

Leggi tutto l’articolo

ecodibergamo.it, 17 ottobre 2013

Argomenti: