Tessera sanitaria come strumento di accesso agli apparecchi per il gioco con vincite in denaro

La Camera,

– considerato il superiore interesse alla tutela dei minori mediante il pieno rispetto del divieto di accesso ai giochi con vincita in denaro;

– ritenuto che tale divieto possa essere rinforzato e reso più effettivo dalla rapida attuazione dell’utilizzo obbligatorio da parte dei giocatori della tessera sanitaria come strumento di identificazione dell’età del giocatore e di abilitazione dell’apparecchio elettronico, nel rispetto del diritto alla riservatezza;

– considerato inoltre che è da anni in corso l’adozione a livello nazionale e comunitario di normative che promuovono l’utilizzo della moneta elettronica quale strumento per una maggiore tracciabilità e trasparenza delle operazioni economiche e finanziarie;

– considerato che nonostante le numerose operazioni di contrasto poste in essere il mercato del gioco continua ad essere oggetto di pesanti infiltrazioni da parte della criminalità organizzata e strumento utilizzato per le operazioni di riciclaggio;

– considerato che la spesa per il gioco con vincita in denaro mediante apparecchi elettronici non rientra fra le spese di base essenziali alla vita quotidiana, per le quali il ricorso al denaro contante risulta ancora di uso comune, in particolare per le fasce più anziane della popolazione;

– ritenuto pertanto che nulla osti all’introduzione di sistemi di piena trasparenza attraverso il pagamento elettronico dei servizi di gioco con vincita in denaro, anche in funzione di contrasto al fenomeno dell’usura,

impegna il Governo

ad inserire nel decreto legislativo contenente il «Codice unico delle disposizioni sui giochi» norme volte ad indicare tempi rapidi per l’introduzione del lettore della tessera sanitaria quale strumento obbligatorio per l’accesso agli apparecchi elettronici per il gioco con vincita in denaro e a prevedere il graduale passaggio alla moneta elettronica come unico mezzo di pagamento per i servizi resi da tali apparecchi.

Basso, Sberna, Quaranta, Giacobbe, Baruffi, Carnevali, Bargero, Bazoli, Tullo, Carocci

Ordine del giorno presentato martedì 24 settembre 2013

Argomenti: