I lavori della Camera in diretta

Abrogazione di certificati medici inutili

La Camera,

premesso che:

– il provvedimento in esame prevede la soppressione di una serie di certificazioni sanitarie, sulla base delle valutazioni di un gruppo di lavoro istituito presso il Ministero della salute, con il compito di procedere ad una ricognizione della normativa in materia, per individuare le pratiche sanitarie di certificazione o di autorizzazione prive ormai di valenza sanitaria;

– il documento finale del gruppo di lavoro istituito presso il Ministero della salute in data 13 ottobre 2004 per la semplificazione delle procedure relative alle autorizzazioni, certificazioni ed idoneità sanitarie contiene un elenco molto più ampio di certificazioni ormai prive di valenza sanitaria rispetto a quelle abrogate dal provvedimento in esame e, il cui mantenimento comporta un dispendio economico per il cittadino e uno spreco di energie per le aziende sanitarie deputate al rilascio delle medesime,

impegna il Governo

a valutare l’opportunità di ampliare l’elenco delle certificazioni ritenute oramai prive di valenza sanitaria includendo eventualmente anche tra quelle da abrogare il certificato per ammissione a soggiorni di vacanza per i minori, quali colonie marine e centri estivi previsto dalle circolari del Ministero della sanità 24 giugno 1992, 25 e 20 aprile 2000, n 6; il certificato di vaccinazione per ammissione in scuole pubbliche, nonché in particola modo a valutare l’opportunità di rivedere i certificati previsti dal regolamento di polizia mortuaria di cui al decreto del Presidente della Repubblica 10 settembre 1990, n. 285.

Gelli (primo firmatario), Lenzi, Biondelli, Patriarca, Beni, Sbrollini, Capone, Miotto, Carnevali, D’Incecco

(Ordine del giorno sul Decreto del fare presentato mercoledì 24 luglio 2013)

Argomenti: