I lavori della Camera in diretta

“Pdl suddito della Lega. Per la città occasione persa”

“Pdl suddito della Lega. Per la città occasione persa”
Il Pd ritira la mozione. Tentorio: strumentale

dal Corriere della Sera del 17 luglio 2013, edizione di Bergamo, articolo di Fabio Paravisi

Il ministro Cécile Kyenge non avrà la solidarietà del comune di Bergamo. Soffocata all’origine, ancora prima di arrivare sui banchi del consiglio comunale, la mozione che avrebbe dovuto mostrare la vicinanza della massima istituzione cittadina dopo gli insulti di Roberto Calderoli non sarà discussa. Dopo che lunedì il voto dei consiglieri di maggioranza ha respinto l’urgenza della discussione, e la seduta è finita con toni da rissa (“Vergogna”, ha urlato l’opposizione), la stessa autrice ha deciso di ritirarla: “Queste cose si discutono subito, cosa facciamo, ne parliamo in differita? Non avrebbe senso”, spiega la democratica Elena Carnevali. […]

L’ex sindaco di centrosinistra Roberto Bruni è critico: “Di fronte a un episodio di questo tipo non ci si può trincerare dietro piccoli tatticismi e furbate. Avrebbero dovuto dichiarare espressamente di essere contro un ordine del giorno che tra l’altro era molto prudente ed esprimeva solidarietà senza chiedere condanne o dimissioni. Ma il Pdl avrebbe dovuto entrare nel merito dell’argomento facendo così emergere le differenze che lo separano dalla Lega. E per non darle un dispiacere si sono nascosti furbescamente dietro una questione formale. Questa vigliaccheria e questo opportunismo mi indignano”. Anche Elena Carnevali dà la stessa lettura dei fatti: “Il Pdl ha dimostrato sudditanza nei confronti della Lega, e si prenderà la responsabilità di non aver voluto approfittare dell’occasione per discutere un tema importante e non hanno avuto il coraggio di difendere un ministro del governo. Il Pdl ha avuto paura di aprire un fronte con la Lega, questo lo hanno capito tutti. Anche la scelta del sindaco non l’ho capita. Abbiamo superato qualsiasi segno: c’è una responsabilità – aggiunge Carnevali – che dev’essere anche più forte e sentita da chi ricopre incarichi istituzionali a tutti i livelli”. Il verdetto: “Bergamo perde un’occasione”. […]

Argomenti: