Cuperlo: “Non voglio proprietari nel partito”

Cuperlo: “Non voglio proprietari nel partito”

Intervista a Gianni Cuperlo di Goffredo De Marchis – La Repubblica, 14 giugno 2013

 

Gianni Cuperlo sfiderà Matteo Renzi per la segreteria del Pd, se alla fine il sindaco di Firenze sarà in campo. «Lui dice merito e carità. Ma è diverso dire uguaglianza, talenti e dignità. Sarà un confronto libero e aperto». Cuperlo vuole tenere separati i ruoli di segretario e premier, ma detta i tempi del governo Letta: «Faccia le riforme istituzionali. Poi si torna al voto».

Quali sono il percorso e i tempi giusti per il congresso del Pd?

«Un percorso trasparente e tempi rapidi. Siamo un partito, e non è poco. Abbiamo appena ottenuto un risultato straordinario nel voto amministrativo. Ma guai a ignorare quell’astensione che dice del divorzio tra le istituzioni e le persone che spesso stanno peggio. Alle spalle abbiamo anche la delusione di febbraio, il trauma del voto su Marini e Prodi, le dimissioni dell’intero gruppo dirigente e sarebbe ipocrita scaricare quel peso solo su Bersani. Per me il congresso è questo».

Anche il Pd, come dice Bersani, corre un rischio di leaderismo?

«Bersani ha tutte le ragioni nel dire che il modello di partito-proprietà non è il nostro. Basta vedere l’involuzione degli altri. Il Pd è una scommessa diversa, ripensare la partecipazione nel cuore di una crisi della democrazia. Questo non vuoi dire fare a meno dei leader. Vuol dire rinnovare il sentimento che lega una classe dirigente al popolo che si sceglie di rappresentare. La destra può fare a meno di questo. Noi no».

Esiste un modo per battere Renzi?

«Ma noi non dobbiamo battere Renzi, dobbiamo battere la destra. Renzi è un talento del Pd. Con lui e con altri è utile discutere sulle cose. Dell’idea di partito, di paese, di un mondo dimenticato. Lui dice merito e carità. Sono termini alti. Ma è diverso dire uguaglianza, talenti e dignità. Sarà un bene confrontarsi in libertà».

La sua piattaforma sarà contro le larghe intese?

«Dobbiamo sostenere il governo lealmente e con autonomia sapendo che siamo seduti su una polveriera. La crisi sta divorando le sicurezze più elementari a partire dal cibo sulla tavola. Bisogna aggredire il dramma sociale ed economico. Ma questa è una condizione di emergenza e, fatte le riforme istituzionali necessarie, bisognerà tornare al voto e all`alternanza».

Il congresso alimenterà il correntismo?

Non debellare la malattia sarebbe irresponsabile. Un correntismo esasperato è cosa diversa dal pluralismo. Quella logica si rompe investendo sulla cultura politica e anche con regole certe e una volontà unilaterale. Io ci sto».

Quindi conferma la sua candidatura alla segreteria.

«È una sfida che fa tremare le vene ai polsi, lo so. Io lavorerò a una mescolanza vera. Penso sia giusto distinguere tra segretario e premier. Mi sono convinto che la stima verso il Pd e i partiti possa rinascere anche da li, dal fatto che governare è decisivo, a partire dalle città, ma che i partiti devono esistere anche fuori dalle istituzioni, soprattutto se sanno mutare logiche e consuetudini del potere».

È un danno o un vantaggio essere il candidato di D`Alema?

«Groucho Marx avrebbe risposto “spero non sia un danno per lui”. Detto ciò credo in una società dove nessuno debba essere “di qualcuno” se non della propria responsabilità. Mi piacerebbe valesse anche per me».

 

Argomenti: