I lavori della Camera in diretta

Disabilità, serve un quadro stabile di finanziamento

Disabilità, serve un quadro stabile di finanziamento

“Non è un paese normale quello in cui disabili gravi sono costretti una volta l’anno a radunarsi sotto un ministero per chiedere risorse per l’assistenza o per veder arrivare sui territori i fondi stanziati.
Auspichiamo quindi che il Governo al più presto tenga fede agli impegni presi rimuovendo gli ostacoli burocratici esistenti. Tuttavia il punto centrale della questione è che non si può più accettare un sistema di rifinanziamento che anno per anno cerca di trovare delle risorse. È giunto quindi il tempo di definire un quadro stabile di interventi, individuando i livelli essenziali di assistenza, il Partito Democratico è disposto a farlo, lo riteniamo un fattore di giustizia e di crescita.

Cecilia Carmassi
Cecilia Carmassi

Non è accettabile la navigazione a vista. Si determina uno stato di incertezza peraltro aggravato da risorse costantemente insufficienti visto che anche i 400 milioni che inseguiamo dopo l’azzeramento del fondo non autosufficienza operato dal governo Berlusconi, rappresentano la cifra che il governo Prodi aveva stanziato per la sperimentazione e non per le politiche a regime”. Così Cecilia Carmassi, responsabile politiche sociali e lavoro del Partito Democratico.

Argomenti: